Incuriositi dal caso della più grande compagnia di voli low cost che, avendo programmato in maniera errata i turni di riposo del proprio equipaggio, ha dovuto cancellare circa 50 voli al giorno fino a fine Settembre, abbiamo deciso di approfondire l’organizzazione del lavoro nelle compagnie aeree.

Il 2017 è stato finora un anno favorevole per le compagnie, con l’indice Msci Eu Airlines che è salito del 38%, con un aumento atteso del traffico aereo del 7%.

Nonostante ciò, rimangono molte le problematiche di gestione del personale in questo settore.  Problematiche non recenti ma che risalgono addirittura agli anni ’90.

Ricerche condotte da professionisti nel campo della gestione delle risorse umane hanno evidenziato la difficoltà da parte delle compagnie aree a gestire le informazioni che arrivano dai propri dipendenti riguardo tutti i momenti che costituiscono il turno di lavoro.

Le compagnie aeree si trovano a gestire due classi di personale: il personale navigante e il personale di terra.

 

Il personale navigante e la comunicazione in tempo reale

Il grande problema delle compagnie aree è la gestione degli orari effettivi dei turni di lavoro dichiarati dai dipendenti e l’incrocio di queste informazioni con gli orari di lavoro standard che l’azienda ha previsto e organizzato.

Portiamo un esempio concreto spiegando i vari momenti del turno di lavoro di un pilota, figura professionale che rientra nel personale navigante.

Per un pilota, l’inizio del turno coincide con l’uscita dalla propria residenza o dal luogo di domicilio durante una trasferta (es. albergo) e si conclude con il rientro di questo presso la sua abitazione o il domicilio di riferimento. Fino ad oggi, tutto questo veniva registrato manualmente o attraverso timbratura con un badge aziendale.

Nello specifico, l’Azienda ha bisogno di calcolare le indennità del proprio dipendente sul tempo di percorrenza dall’abitazione all’aeroporto avendo quindi la necessità di avere in tempo reale l’orario di uscita del dipendente dall’abitazione e l’orario di ingresso nella struttura.

Ulteriore difficoltà è quella di gestire le variazioni di ingresso sul posto di lavoro dovute a problemi di carattere logistico e operativo (traffico, imprevisti, malfunzionamento dell’autovettura etc.) in quanto il traffico aereo si basa su orari di decollo e atterraggio precisi indi per cui un ritardo del pilota dev’essere comunicato in tempo reale per permettere all’azienda una tempestiva comunicazione alla torre di controllo che i alcuni dei  voli  in programma subiranno delle modificazioni.

Le compagnie aeree si trovano a dover registrare, inoltre, l’orario di ingresso sull’aereo del pilota, l’orario di decollo, il tempo di volo, l’atterraggio e l’uscita del pilota dall’aereo poiché per alcune compagnie il salario si basa sulle ore effettive di volo.

Questa mole di informazioni deve essere moltiplicata per tutti i piloti ed assistenti di volo.

Le tempistiche e le difficoltà di gestione del personale e di tutte queste informazioni raddoppia a causa dell’enorme lavoro svolto dall’ufficio personale per recuperare ed organizzare questi dati. Una proposta per ovviare a questo problema potrebbe essere un software di rilevazione delle presenze scaricabile sul device di ogni dipendente.

 

Il personale di terra e la gestione della reperibilità

Per quanto riguarda il personale di terra, invece, questo deve garantire la propria disponibilità a lavorare su turni poiché le compagnie aeree devono garantire una continuità di erogazione dei servizi essenziali di assistenza.

Tra queste figure oltre al personale di terra possiamo individuare i controllori di volo, tecnici addetti alla manutenzione, addetti ai controlli di sicurezza e addetti al controllo degli apparati di bordo.

Essendo queste attività parte fondamentale del servizio somministrato dalle compagnie aeree, queste aziende devono avere squadre di emergenza con disponibilità immediata e flessibile che rimpiazzino il personale assente per malattia o per riposi compensativi.

La necessità di sostituire un collega dev’essere comunicata nel minor tempo possibile per poter dar modo ai dipendenti reperibili di arrivare sul posto di lavoro in tempo utile. Di nuovo, troviamo che poter comunicare in tempo reale sia un tassello fondamentale per la gestione del personale e un software scaricabile su qualsiasi device una maniera semplice e veloce perché tutti gli attori coinvolti nel processo possano farlo.

 

Gli investimenti futuri: riflettori puntati sulla tecnologia

L’infrastruttura digitale alla base delle compagnie aeree quindi deve essere sempre più sofisticata e deve elaborare ogni giorno decine di miliardi di informazioni.

L’organizzazione dei collegamenti, la gestione del personale navigante e di quello di terra, i siti web per le informazioni e le prenotazioni e l’individuazione degli scali dove effettuare rifornimenti sono, insieme a molte altre, le problematiche che hanno spinto le compagnie a investire sulle nuove tecnologie.

A titolo di esempio portiamo la dichiarazione della Southwest, la più grande low cost al mondo la quale ha ammesso di avere un sistema informatico che gestisce le prenotazioni «vecchio di trent’anni». Per questo ha stanziato per il 2017 mezzo miliardo di dollari per «ringiovanire» i server. Non sarà l’unica.

Secondo un dossier Airline IT Trends Survey 2016 di Sita, leader mondiale nella fornitura di servizi di comunicazione e di soluzioni informatiche per il trasporto aereo, quasi sei compagnie su dieci l’anno prossimo investiranno ancora più fondi per l’ammodernamento dell’infrastruttura digitale. Non si tratta soltanto di introdurre nuovi servizi, ma anche di cambiare i software che devono essere sempre più affidabili.

Una gestione efficace e centralizzata dei flussi di informazione

Per permettere alle compagnie aeree di organizzare al meglio i propri dipendenti naviganti e di terra suggeriamo ai manager che si trovano a gestire queste problematiche il software People@Time che, attraverso la rilevazione delle presenze geolocalizzata in Cloud e a portata di click sul device aziendale o personale, garantisce alle compagnie di avere dati precisi e reali.

Con People@Time è possibile misurare e valutare i dati inseriti dai lavoratori, effettuare controlli di presenti e assenti in tempo reale e poter reagire così con rapidità agli imprevisti, ottimizzando tempistiche e costi di gestione.

Richiedi informazioni precise e complete su tutta la suite e visiona personalmente i vari software integrati attraverso le nostre demo gratuite e senza impegno.

La gestione del personale: il caso delle compagnie aeree ultima modifica: 2017-09-26T10:30:52+00:00 da Peoplelink Team